Posts contrassegnato dai tag ‘attualità’

L’incontro con l’autore/autrice è ormai una ricorrenza annuale nella mia scuola (liceo classico). Quest’anno abbiamo incontrato l’autrice, ma ben più nota come giornalista, Daria Bignardi. Incontro bellissimo, interessantissimo dal punto di vista creativo, sono stati realizzati video, cartelloni…recitate poesie, cantate canzoni e quant’altro.

Per finire ovviamente le domande e poi gli autografi, vi lascio immaginare la fila! 🙂

Annunci

I social network sono degli strumenti ad oggi potentissimi in grado sconvolgere la vita di una persona, bisogna solo farne un uso consapevole e tutto il resto vien da sè.

Questo il tema del safe internet day di quest’anno, i social network.

Ha scuola (liceo classico) oggi abbiamo cominciato Aristofane, un grande della risata comica, ma soprattutto un grande delle parolaccie, sin dall’antica grecia si sentiva il bisogno di sfogarsi, di liberarsi con queste parole, quindi abbiamo bisogno anche di questo.

influenza

Pubblicato: 08/02/2010 in Io
Tag:, , , , , , ,

questa stramaledetta influenza che rompe le balle. L’hanno scorso sono arrivato a prenderla 6-7 volte da settembre a giugno, quest’anno?? O.o Si accettano scommesse.

Oltre 2100 bombe inesplose della Seconda guerra mondiale sono state ritrovate a Kothen, nella Sassonia-Anhalt. Si tratta del più grande ritrovamento di ordigni bellici avvenuto dal dopoguerra ad oggi. E secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg. Gli ordigni sono stati trovati in un’area occupata durante la guerra da un aereoporto.

Articolo tratto dal quotdiano free “EPolis Roma” del 16 Ottobre 2008.

Fonte: Steven World Now

“Un abominio la cui fabbricazione e utilizzo non può e non deve essere tollerato da nessun governo”: l’arcivescovo sudafricano e premio Nobel per la pace Desmond Tutu usa parole dure per descrivere le bombe a grappolo e sollecitare i diplomatici di oltre 40 paesi africani presenti a Kampala, in Uganda, a sostenere la sottoscrizione di una Convenzione internazionale sul bando di questo tipo di ordigni. “Tutte le armi – ha detto Tutu – sono disumane, poiché progettate per uccidere, ma le bombe a grappolo uccidono e mutilano in modo del tutto indiscriminato e spesso le principali vittime di queste armi micidiali sono civili innocenti”. Durante l’apertura della conferenza, il presidente ugandese Yoweri Museveni ha affermato che la convenzione contro l’uso delle munizioni a grappolo rafforzerà la pace e la sicurezza in Africa, dopo che per quattro decenni il continente ha vissuto violenti conflitti, durante i quali spesso sono state usate le bombe a grappolo: “Questo – ha detto Museveni – è inaccettabile, per lungo tempo l’Africa è stata terreno di discarica per armi pericolose, comprese le bombe a grappolo, che hanno causato la perdita di migliaia di vite umane”. La conferenza in corso ieri e oggi a Kampala punta a promuovere tra i governi africani il bando totale delle bombe a grappolo in vista della firma, prevista a Oslo il 2 e 3 dicembre, della Convenzione che impegna i governi sottoscrittori a interrompere definitivamente l’uso, la produzione, la vendita e il deposito delle cosiddette bombe ‘cluster’.

fonte: Steven World Now

Sono il 41% in più rispetto al 2007. Le cause: il riarmo dei paramilitari colombiani di estrema destra, l’offensiva dell’esercito e la paura dei civili di essere reclutati a forza dai gruppi armati.

Articolo a cura di A.Geraci e B.Montini pubblicato sul free press “City” del 3 Ottobre 2008.

Fonte: Steven World Now